Catálogo

vecchio della montagna (Il)

vecchio della montagna (Il) Novedades

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
ISBN
978-88-6429-185-7
Editor
Il Maestrale
Coedición
-
Género
Narrativa
Materia
Textos literarios modernos y contemporáneos: novelas, cuentos, diarios y epistolarios
Colección
Tascabili Narrativa
Edición
2018
Soporte
Papel
Páginas
224
Encuadernación
Encuadernación en rústica cosida
Dimensiones
12 x 17 cm
Número de tomos
1
Illustrado
No
Idioma de publicación
Italiano
Idioma original
-
Texto a vista
-
Archivo adjunto
-
Escolar
No
Disponibilidad
En comercio
Distribución
Precio
10,00 €

[quote]Melchiorre Carta saliva la montagna, ritornando al suo ovile. Era un giovane pastore biondastro, di piccola statura; una ruga gli si disegnava fra le sopracciglia folte e nere, che spiccavano nel fosco giallore del suo volto contornato da una rada barbetta rossiccia. Anche la sopragiacca di cuoio del suo costume era giallognola, e il cavallino che egli montava era rossastro, tozzo, angoloso e pensieroso come il suo padrone. Melchiorre era un giovine di buoni costumi e d´ottima fama; molto spensierato ed allegro non lo era mai stato, ma da qualche tempo si mostrava più taciturno del solito, e si sentiva quasi malvagio, perché sua cugina Paska lo aveva abbandonato alla vigilia delle loro nozze. E senza motivo! Così, solo perché ella si era improvvisamente accorta di essere graziosa e corteggiata anche da giovani signori.[/quote]

Grazia Deledda

Grazia Deledda (1871-1936)

Grazia Deledda nasce a Nuoro nel 1871, in una famiglia di piccoli proprietari terrieri. Interrotti gli studi precocemente, la giovane Grazia approfondisce da autodidatta la sua passione per la letteratura, giungendo a pubblicare alcuni suoi racconti sulla rivista L´Ultima Moda, a soli 19 anni. Nel 1900 si trasferisce a Roma con il marito, conosciuto a Cagliari l´anno prima: rimarrà nella città fino alla morte, avvenuta nel 1936. E´ proprio nella capitale che i suoi capolavori vedono la luce: Elias Portolu (1903), Cenere (1904), L´Edera (1908), L´incendio nell´oliveto (1918), Il segreto di un uomo solitario (1914), Canne al vento (1913), Marianna Sirca (1915), Il Dio dei viventi (1922),e infine Cosima, pubblicato postumo. Ma è il 1926 a rappresentare una data significativa per la scrittrice, chiamata a ritirare il premio Nobel per la letteratura: Grazia Deledda, prima donna a ricevere tale onorificenza, fu premiata per la sua prosa idealisticamente ispirata che con chiarezza plastica dipinge la vita della sua isola nativa e con profondità e simpatia si confronta con i problemi umani in generale.

Bibliografia

- Nell´azzurro, Milano, 1890
- Stella d´Oriente, Cagliari, 1890
- Amore regale, Roma, 1891
- Fiori di Sardegna, Roma, 1892
- Racconti sardi, Sassari, Dessì, 1894
- Anime oneste, Milano, Cogliati, 1895
- Tradizioni popolari di Nuoro in Sardegna, Roma, Perino, 1895
- La via del male, Torino, Speirani, 1896
- Il tesoro, Torino, Speirani, 1897
- Paesaggi sardi, Torino, Speirani, 1897
- L´ospite, Rocca San Casciano, Cappelli, 1897
- La giustizia, Torino, 1899
- Le tentazioni, Milano, Cogliati, 1899
- Il vecchio della montagna, Torino, 1900
- La regina delle tenebre, Milano, 1902
- Elias Portolu, Torino, 1903
- Cenere, Roma, 1904
- Nostalgie, Roma, 1905
- I giuochi della vita, Milano, 1905
- Amori moderni, Roma, 1907
- L´ombra del passato, Roma, 1907
- L´edera, Roma, 1908
- Il nostro padrone, Roma, 1910
- Sino al confine, Roma, 1910
- Nel deserto, Roma, 1911
- Colombi e sparvieri, Roma, 1912
- Odio vince, Milano, 1912
- Chiaroscuro, Roma, 1912
- L´edera, Milano, 1912
- Canne al vento, Milano, 1913
- Il fanciullo nascosto, Milano, 1913
- Le colpe altrui, Milano, 1914
- Marianna Sirca, Milano, 1915
- L´incendio nell´oliveto, Milano, 1918
- Il ritorno del figlio-La bambina rubata, Milano, 1919
- La madre, Milano, 1920
- Naufraghi in porto, Milano, 1920
- La grazia, Milano, 1921
- Cattive compagnie, Milano, 1921
- Il segreto dell´uomo solitario, Roma, 1921
- Il Dio dei viventi, Roma, 1922
- La danza della collana, Roma, 1924
- A sinistra, Milano, 1924
- La fuga in Egitto, Roma, 1925
- Il sigillo d´amore, Roma, 1926
- Annalena Bilsini, Roma, 1927
- Il vecchio e i fanciulli, Roma, 1928
- Il dono di Natale, Roma, 1930
- La casa del poeta, Roma, 1930
- Il paese del vento, Roma, 1931
- La vigna sul mare, Roma, 1932
- Sole d´estate, Roma, 1933
- L´argine, Roma, 1934
- La chiesa della solitudine, Roma, 1936
- Cosima, Roma, 1937
- Versi e prose giovanili, Milano, 1938.
- Il cedro del Libano, Milano, 1939
- Lettere a Marino Moretti (1913-1923), Padova, 1959
- Lettere inedite, Milano, 1966
- Romanzi e novelle, a cura di N. SAPEGNO, Milano, Mondadori, 1971.