Catalogo

La vita tiepida

La vita tiepida

Di Aldo Tanchis

Prefazione di Antonella Anedda

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
ISBN
978-88-7138-738-3
Editore
Carlo Delfino
Co-edizione
-
Genere
Poesia
Materia
Testi letterari moderni e contemporanei: poesie e teatro
Collana
Poesia
Edizione
- aprile 2014
Supporto
Cartaceo
Pagine
112
Rilegatura
Brossura con lembi e cucitura filo refe
Dimensione
13 x 21 cm
N° volumi
1
Illustrato
No
Lingua di pubblicazione
Italiano
Lingua originale
-
Lingua a fronte
-
Allegato
-
Scolastico
No
Disponibilità
In commercio
Distribuzione
Prezzo
10,00 €

Queste poesie di Aldo Tanchis possiedono un elemento di sorpresa spesso legata a uno slittamento dell´uso comune. In questo libro l´estrema semplicità non limita ma amplifica l´elemento di sorpresa implicito nell´uso comune. La capacità di contemplare è insieme alla sua necessità di solitudine, il tratto fondamentale delle poesie di La vita tiepida. Lo stesso titolo ci dà delle indicazioni di lettura: il tepore è la temperatura adatta alla cova della contemplazione e nella contemplazione della memoria, non solo delle persone ma dei luoghi.
Non ci sono nella scrittura di Tanchis né rancori che gelano né passioni che ustionano. Tra le pagine volano spettri gentili che non spaventano. Alla figura del padre morto si affianca Oristano nella Sardegna occidentale: la parte che davanti a sé ha solo il mare e poi la Spagna, esposta ma anche mitigata dagli stagni, dai golfi, dalle rovine di Tharros. Un altro spazio è Milano, vissuto senza strappi con la terra di origine e descritto nella sua essenzialità con lo stile asciutto che caratterizza questi
testi.
Chi legge percepisce e poi riempie lo spazio lasciato aperto dai versi, si sposta come succede nei viaggi, in compagnia di visioni terrene, umane, condivisibili, che non hanno nulla di mistico o di soprannaturale ma nascono da quella leggera intensificazione dello sguardo e del pensiero che le trasforma in arte.

Aldo Tanchis (1955-)

Nasce nel 1955 a Lei, nella regione del Marghine, in provincia di Nuoro. Conclusi gli studi superiori a Oristano, si reca a Cagliari, dove consegue la laurea in Lettere. Trascorre alcuni d´anni a Parma per frequentare un corso di perfezionamento in Storia dell´Arte, quindi si trasferisce a Milano, dove vive attualmente. Dagli studi e interessi nutriti per l´arte contemporanea sono nati articoli e diversi saggi, ma il forte eclettismo di Tanchis lo porta a cimentarsi anche nella produzione di sceneggiature, di testi per programmi radiofonici e teatrali. Una di queste sceneggiature, Pesi Leggeri (2001), è poi diventata il suo primo romanzo. Lo scrittore tiene una rubrica di geografia fantastica sul mensile Geo Magazine, collabora con D di Repubblica, AD, Case da Abitare, Equilibri, Gulliver, L´Unione Sarda e altre riviste e quotidiani. La casa editrice il Maestrale, oltre a Pesi leggeri (ristampato nel 2008), ha pubblicato L´anno senza estate (2005) e Una luce passeggera (2008).

Bibliografia

Pesi leggeri, Il Maestrale 2001

Aldo Tanchis e Gavino Sanna, Lo sguardo inquieto, Carlo Delfino 2003

L´anno senza estate, Il Maestrale 2005

Pesi leggeri, Il Maestrale 2008

Una luce passeggera, Il Maestrale 2008