Catalogue

Michele e gli altri

Michele e gli altri New

un sindaco tra i caduti nuoresi della Grande Guerra

By Marina Moncelsi

Introduction by Marina Moncelsi

Preface by Alberto De Bernardi

Facebook Twitter LinkedIn Posta elettronica WhatsApp Telegram
ISBN
978-88-98692-59-0
Publisher
Aipsa Edizioni
Co-publishing
-
Genre
Non-fiction
Subject
History (including archaeology and pre-history), biographies, heraldry
Series
Quaderni di Storia e Cultura Locale
Edition
- October 2018
Support
Paper
Pages
224
Binding
Paperback with flaps and stitched binding
Dimensions
17 x 24 cm
N° of volumes
1
Illustrations
Yes
Publication language
Italian
Original language
-
Parallel text
-
Appendix
-
School book
No
Availability
On sale
Distribution
Yes
Price
16,00 €

Un secolo, cento anni fa aveva fine la Grande Guerra, e oggi siamo alla quarta generazione con ricordi e memoria che cominciano a scolorire. È invece importante mantenere viva la storia di una delle più immani tragedie dell´umanità, il più grande bagno di sangue che l´umanità avesse fino ad allora conosciuto, l´´inutile strage´, come la definì il Papa Benedetto.

Ricordare, questo è il principio guida di questo libro di Marina Moncelsi. Ricordare che dei tantissimi soldati dell´esercito italiano caduti nella Grande guerra solo una parte ha avuto sepoltura. Ricordare che – secondo i dati ufficiali – furono 13.602 i caduti sardi. Ricordare i nomi e le storie dei troppi giovani strappati alla loro terra e alle loro famiglie che trovarono la morte nei diversi fronti di guerra.

Marina Moncelsi, attraverso una paziente, meticolosa ricerca negli archivi, ci consegna un doppio profilo, quello di una comunità – Nuoro del primo Novecento – e il profilo biografico dei caduti del contingente nuorese partito per il fronte, a cominciare da Michele Papandrea, sindaco della città al momento dell´entrata dell´Italia nel conflitto mondiale.

Restituisce dignità alle storie di gente comune che fino ad oggi, a Nuoro come in molte città italiane, erano semplicemente dei nomi iscritti in lapidi collettive.

Come sottolinea nella Prefazione Alberto De Bernardi ´nomi senza volti e senza storia, a cui invece Moncelsi da una identità più precisa, tracciando una biografia, ancorché limitata dalla scarsità delle notizie e dalla assoluta normalità di vite ordinarie. Eppure questi uomini semplici sono la stragrande maggioranza di quei seicentomila italiani morti al fronte tra il ´15 e il ´18, e rappresentano il volto tragico della ´vittoria´. Dare loro dignità storica non è solo un contribuito alla conoscenza del passato, ma anche un impegno civile che Moncelsi ha colto pienamente attraverso la sua ricerca e con la pubblicazione di questo bel libro´.